Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, i test in Toscana sfondano il tetto dei 100 mila

Antonella Lunetti
  • a
  • a
  • a

Nel bollettino di domenica 19 aprile 2020, in Toscana sono 8.372 i casi di positività al Coronavirus, 135 in più rispetto a sabato. Aumentano circa dell'8% le guarigioni: 90 le nuove registrate. I test eseguiti hanno sfondato quota 100 mila, attestandosi a 103.975 (+4.072 in più rispetto a sabato). Quelli analizzati domenica 19 aprile sono 3.550.  Le persone attualmente positive sono 6496 (+26 rispetto a sabato).  La Toscana si conferma all'11° posto in Italia come numerosità di casi: circa 224 per 100.000 abitanti (media italiana 291,5 X100.000, dato del 18 aprile 2020).  Provincia più colpita è Massa con 479 casi per 100.000 abitanti, Lucca con 309, Firenze con 258. Complessivamente, 5.452 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi (63 in più rispetto a sabato). Ben 18.096 (più 109 rispetto a sabato) sono le persone, anch'esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (ASL centro 8.491, Nord Ovest 8.289, Sud Est 1.316). Si riducono ancora le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti COVID che domenica 19 aprile sono complessivamente 1.044; 37 in meno di sabato, di cui 192 in terapia intensiva (-6 rispetto a sabato). Il trend discendente dei ricoverati, totali e in terapia intensiva, si conferma ulteriormente e raggiunge il punto più basso dal 22 marzo per i ricoveri totali e dal 20 marzo per le terapie intensive. Le persone complessivamente guarite salgono a 1.239 (più 90 rispetto a sabato): 639 persone “clinicamente guarite” (+ 8 persone), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all'infezione e 600 (+ 82 persone) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con doppio tampone negativo. Purtroppo, si registrano 19 nuovi decessi: 11 uomini e 8 donne con un'età media di poco più di 81 anni. La provincia con la letalità (% deceduti sui casi) più alta continua ad essere Pistoia con 12,2%, seguita da Massa con 10,9% e le più basse Arezzo con il 4,1% e Grosseto con 3,7%. La Toscana ad oggi arriva al 7,6% contro la media italiana che al 18 aprile era 13,2%.