Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coingas, indagati per peculatosu consulenze per 400 mila euro

default_image

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Inchiesta della procura di Arezzo su Coingas, la spa dei comuni della provincia che detiene il 25,1 per cento del Gruppo Estra. L'ipotesi di reato è il peculato, insieme all'abuso d'ufficio, per due consulenze ad altrettanti professionisti: un commercialista di Arezzo e uno studio legale di Firenze. I fatti oggetto dell'indagine si collocano a cavallo tra 2018 e 1019. Eseguite perquisizioni nella sede di via Igino Cocchi e al comune di Arezzo. Primi tre indagati iscritti nel registro della procura. Attività di indagine svolta dalla Digos della Questura di Arezzo. La vicenda, molto complessa, potrebbe avere ulteriori sviluppi. Secondo l'ipotesi della procura, diretta dal dottor Roberto Rossi, le consulenze per 440 mila euro non avrebbero corrispondenza oggettiva con le necessità di Coingas, ma risponderebbero a interessi privati. Accusa che dovrà essere dimostrata. Coingas attualmente ha come amministratore unico Franco Scortecci, che a gennaio è subentrato a Sergio Staderini. Sarebbe toccato dall'inchiesta anche il Comune di Arezzo, che in Coingas detiene la maggioranza. Gli indagati, a vario titolo, sono l'ex amministratore Sergio Staderini, l'attuale Franco Scortecci, l'assessore comunale al bilancio e alle partecipate Alberto Merelli, una funzionaria di Coingas e il commercialista Marco Cocci, consulente finanziario di Coingas. L'inchiesta iniziata a marzo di sicuro verte anche su altre persone, che non rientrano tra coloro che hanno ricevuto la visita della Digos con il decreto di perquisizione.