Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Alluvione, il primo agosto lutto cittadino ad Arezzo: i funerali del pensionato in Duomo

Antonella Lunetti
  • a
  • a
  • a

Giovedì primo agosto ad Arezzo sarà lutto cittadino.  E' stato eseguito l'accertamento sul corpo del pensionato, Pergentino Carlo Tanganelli, morto durante l'alluvione che si è abbattuta nell'Aretino sabato 27 luglio.  L'esame cadaverico ha permesso di definire la causa del decesso, avvenuto per un violento colpo alla testa subito cadendo a terra. Questa la conclusione a cui è giunta l'equipe di medicina legale di Siena che nella mattinata di oggi ha eseguito l'esame presso l'ospedale di Arezzo. La salma è già stata restituita alla famiglia, e alle 17 si aprirà la camera ardente alla Croce Bianca di via Garibaldi, mentre i funerali si svolgeranno domani, giovedì primo agosto, alle 15, nella Cattedrale di Arezzo. L'accertamento sul corpo del pensionato è stato il primo passo fatto dal pubblico ministero Laura Taddei del fascicolo aperto in Procura per far luce su quanto accaduto in occasione dell'alluvione. Si tratta di chiarire se alla base ci sia stato solo un fenomeno naturale di straordinaria violenza o se abbiano contribuito ad aggravarlo responsabilità pubbliche o private. Il sindaco Alessandro Ghinelli - dopo il nullaosta per la riconsegna della salma ai familiari - nel primo pomeriggio di oggi, mercoledì 31 luglio, ha firmato l'ordinanza con cui viene proclamato il lutto cittadino per la giornata di domani, giovedì primo agosto. Proprio domani alle ore 15 in Cattedrale ad Arezzo verranno infatti celebrate le esequie di Pergentino Tanganelli, il pensionato di 72 anni che ha perso la vita a causa dell'eccezionale ondata di maltempo che si è abbattuta sulla città e su vaste zone della provincia. "L'intera città di Arezzo è rimasta profondamente colpita e attonita da questo drammatico evento e, interpretando il comune sentire della cittadinanza - si legge in una nota del Comune - il sindaco ha proclamato il lutto cittadino in segno di cordoglio e di partecipazione al dolore della famiglia. Ai concittadini, alle istituzioni pubbliche, a tutte le organizzazioni pubbliche e private, viene rivolto l'invito a manifestare la propria vicinanza nelle forme più opportune, in rispetto della vittima".