Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Colla da carrozziere lanciata contro ragazza in discoteca

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Rinviato a giudizio il trentenne che in un disco pub della Valdichiana ha spruzzato colla da carrozziere, sostanza altamente corrosiva, addosso ad una ragazza di 23 anni. Accusato di lesioni, comparirà in tribunale il 23 ottobre per rispondere del reato di lesioni gravi. Il fatto, allucinante, riportato dal Corriere di Arezzo in edicola oggi, 22 agosto, risale a ottobre quando il trentenne prese la folle iniziativa dopo aver preso di mira la giovane, che non conosceva. Una sorta di incosciente azione dimostrativa per farsi notare. La colla bruciò tre strati di vestiti e ha ustionato la pelle delle gambe della ragazza, lasciandole un segno permanente al gluteo. A individuare l'autore dell'aggressione furono i carabinieri di Monte San Savino. Dopo il riconoscimento da parte della ragazza e sulla base degli elementi raccolti dagli inquirenti, l'udienza preliminare si è conclusa con la fissazione del processo che sarà celebrato davanti al giudice monocratico Ada Grignani. L'avvocato Beatrice Vanni assiste la 23enne, mentre l'imputato è difeso dall'avvocato Riccardo Gilardoni. La ragazza e il trentenne non si conoscevano: pare che prima dello schizzo di colla, lui l'avesse adocchiata e osservata. Poi il gran bruciore alle gambe, la corsa in bagno, le cure al pronto soccorso. Scattarono subito le ricerche, con esito positivo, grazie anche alle telecamere che ripresero il tipo allontanarsi. L'episodio risale allo scorso mese di ottobre, a Monte San Savino. Pare che di recente il trentenne abbia incrociato per strada la ragazza e che abbia spruzzato dell'acqua, colpendo l'amica.