Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Nisini in Senato: "Alò ma de che se ragiona"

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

L'espressione tipica di Arezzo e provincia, "alò", entra a Palazzo Madama. Durante l'accesa discussione in Senato prima del voto di fiducia al governo Conte, dai banchi della Lega sono spuntati dei cartelli con scritto: "Alò ma de che se ragiona". Un modo particolare per esprimere netta contrarietà all'intesa tra Movimento 5 Stelle e Pd dopo la fine del contratto Lega-M5s. Il primo dei cartelli, quello con Alò, lo teneva la senatrice aretina Tiziana Nisini. La protesta verso la nuova maggioranza giallorossa non è passata inosservata ed è stata ripresa dalle telecamere. Poi sono intervenuti i commessi del Senato per togliere i cartelli.