Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Chiude i cancelli: arbitro in trappola

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Arrabbiato per la sconfitta della squadra, chiude i cancelli dello stadio e l'arbitro resta in trappola. E' successo dopo l'incontro di calcio dilettanti tra Rassina - Montagnano e l'episodio è costato la pesante squalifica ad un dirigente del club di casa. Il direttore di gara ha dovuto chiamare i carabinieri. Per il dirigente l'inibizione a svolgere ogni attività durerà fino al 30 giugno 2020. “Accedeva al recinto degli spogliatoi pur non indicato nella distinta e quindi impediva al direttore di gara di abbandonare l'impianto avendone chiuso a chiave i cancelli”, si legge nel bollettino del giudice sportivo, “e costringendo l'arbitro a richiedere l'intervento dei carabinieri. Nel contempo, lo stesso assumeva contegno minaccioso ed offensivo che reiterava anche alla presenza dei militari dell'arma sopraggiunti”. Ma per il Rassina non è finita qui: questo episodio ha avuto conseguenze anche pecuniarie, con la società bianco-verde che è stata colpita con un'ammenda di 110 euro “per aver consentito a persona non indicata in distinta di accedere al recinto degli spogliatoi”. Tra i dilettanti altri episodi di stizza verso gli arbitri con lancio di bandierine e cappelli, con conseguenti squalifiche per gli autori.  ARTICOLO SUL CORRIERE DI AREZZO IN EDICOLA E ON LINE DEL 1 NOVEMBRE