Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rimborsi Banca Etruria, al Fitd già 10.500 richieste di integrazione

Marco Antonucci
  • a
  • a
  • a

Sono già 10.500 le richieste di integrazione agli indennizzi presentate al Fondo interbancario di tutela dei depositi dagli ex obbligazionisti subordinati di Banca Etruria, Banca Marche, CariChieti e CariFerrara. Poco più di un terzo, al momento, sono quelle inviate dai risparmiatori Bpel. Il lavoro di registrazione negli uffici del Fitd va avanti. La fase uno dei rimborsi, quella che aveva previsto gli indennizzi forfettari all'80% per gli ex bondisti azzerati, si era conclusa nel marzo 2018: erano state liquidate 15.443 pratiche (lo stesso numero che dovrebbe essere raggiunto per questa seconda fase che prevede un'integrazione del 15% per gli stessi aventi diritto) per una somma totale di 181 milioni di euro. La stima per questa fase due è di circa 27 milioni di euro.