Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Insegnante si opera, alunni tutti a scuola in maglietta: "Forza maestra"

Gli alunni in maglietta incoraggiano la maestra

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

“Forza maestra Marcella”. Tutti gli alunni della quinta lo hanno scritto grande sulle magliette bianche e quando l'insegnante è entrata in classe i suoi occhi si sono riempiti di lacrime. Commossa per quell'abbraccio inatteso e spontaneo. E' successo alla scuola Aliotti di Arezzo dove in questi giorni i ragazzi della classe quinta della primaria hanno ricevuto la notizia che la loro maestra avrebbe dovuto interrompere l'anno scolastico. Marcella Mariucci, l'insegnante, è stata chiamata dall'ospedale per sottoporsi ad un intervento chirurgico. Una novità, appresa giovedì, che ha molto colpito gli alunni. Proprio da loro è partita l'idea di esprimere alla maestra Marcella il loro incoraggiamento, con la voglia di ritrovarla in classe quanto prima. E' così che è scattato il passaparola tra le famiglie. In quattro e quattr'otto, acquistate le t-shirt, in ogni casa la sera si è lavorato alla sorpresa. Scritte colorate sulle magliette, ma anche bigliettini e messaggi. Venerdì mattina, condivisa ovviamente con il direttore della scuola Aliotti, l'iniziativa si è concretizzata. “E' stato davvero un momento molto intenso e particolare”, dice il direttore dell'istituto, Giacomo Nofri. “Un momento formativo, di crescita e di collaborazione positiva tra scuola e famiglie”. Da sottolineare anche la “sintonia” che da settembre quando è arrivata, si è creata tra la quinta e la maestra Mariucci di Città di Castello. I ragazzi l'hanno accolta con indosso le magliette preparate con cura da loro con l'aiuto dei genitori. Una è stata donata alla maestra, con dietro tutte le firme dei ragazzi, insieme ai biglietti e a un bellissimo mazzo di fiori. Accanto alla maestra in occasione dello speciale saluto c'era anche la supplente, che seguirà i ragazzi nel periodo di assenza di Marcella: la scuola si è anche preoccupata che in quel frangente emotivo particolare e intenso non si trovasse sola. La commozione in effetti è stata grande. La maestra Marcella, con gli occhi umidi, ha ringraziato tutti uno ad uno e ha detto: “Ora avrò ancora più voglia di rimettermi al più presto”.