Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ghinelli scrive a Trenitalia e Ministero: "Arezzo penalizzata dai nuovi orari"

Marco Antonucci
  • a
  • a
  • a

"Arezzo penalizzata dai nuovi orari dei treni". Il sindaco Alessandro Ghinelli ha scritto all'amministratore delegato di Trenitalia e al ministro delle Infrastrutture per "segnalare, a nome dei cittadini e non solo, il disappunto per il trattamento riservato alla città di Arezzo e indirettamente all'intera provincia". "Arezzo è l'unica città capoluogo di provincia che si affaccia sulla tratta ferroviaria Roma-Firenze, ma nonostante ciò e fino al 19 dicembre 2019 i treni ad alta velocità che si fermano nell'arco della giornata sono solamente sette. Quattro in direzione sud e tre in direzione nord. Inutile dire che nel pomeriggio nemmeno uno dei treni av collega Arezzo a Firenze o a Roma, con immaginabili ripercussioni oltre che nei riguardi dei residenti anche sul turismo e su tutto l'indotto". A complicare la situazione "va ad aggiungersi il fatto che dal 15 dicembre 2019, al cambio dell'orario, il Freccia argento 8551 non fermerà più ad Arezzo, diminuendo ulteriormente la già scarsa offerta di viaggi veloci e confortevoli verso Roma". E poi "la scelta di far fermare il Frecciarossa 9501 nella stazione di Chiusi, ritardando così l'arrivo a Roma Termini e rendendolo di fatto inutilizzabile per tutti i cittadini pendolari con la capitale".