Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Albanesi trovati con armi e gioielli rubati. Una donna arrestata e due connazionali denunciati

default_image

Giovanna Belardi
  • a
  • a
  • a

I poliziotti della Squadra Volanti di Arezzo hanno rintracciato, in pieno centro storico, un uomo e due donne albanesi che, alla vista del personale in uniforme, mostravano evidente nervosismo. Durante il controllo l'uomo, 29 anni, veniva trovato in possesso di un coltello a serramanico e di una consistente somma di denaro contante di cui non riusciva a fornite spiegazioni. I controlli proseguivano a carico delle due donne, di 30 e 25 anni, che venivano trovate in possesso di oggetti, probabili proventi di furti. La più giovane delle due è risultata essere clandestina sul territorio nazionale. Trovate le chiavi di due camere d'albergo, è stata eseguita una perquisizione. In una veniva rinvenuta, occultata in un fustino contenente detersivo in polvere, una pistola semiautomatica calibro 7.65  con matricola abrasa. Nel corso della perquisizione veniva ritrovato ulteriore denaro contante, di diverso conio (banconote in valuta albanese lek e franchi svizzeri) oltre a gioielli in oro, con ogni probabilità proventi di furti posti in essere dai tre. La titolare della camera d'albergo nella quale è stata ritrovata l'arma da fuoco, è stata tratta in arresto e si trova attualmente nell'ala femminile della casa circondariale di Sollicciano. L'uomo è stato denunciato per il porto abusivo di armi, mentre l'altra donna è stata denunciata per violazione delle norme sull'immigrazione, essendo sprovvista di documenti. Tutti i tre soggetti sono indagati per ricettazione.