Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, arriva nuovo giudice per il tribunale a ranghi ridotti: è di Cortona

Il giudice Filippo Ruggiero

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Arriva un nuovo giudice per il tribunale di Arezzo a rischio “collasso” per il deficit di magistrati. E' Filippo Ruggiero, classe 1984, in magistratura dal 2013. E' di Cortona e viene dal tribunale di Marsala. Giovane, dinamico, preparato, dovrebbe assumere il nuovo incarico nel mese di marzo. Andrà a dare man forte al “penale” (con la presidenza del secondo collegio) la cui situazione è da allarme rosso, per i posti vacanti e le ulteriori partenze in vista. L'esiguo numero di magistrati nel penale a fronte del sovraccarico di lavoro per le vicende di Banca Etruria, ha fatto scattare il segnale di allarme che il ministro Alfondo Bonafede sembra avere raccolto. Nel corso dell'incontro di sabato tra l'Ordine degli avvocati guidato da Roberto De Fraja, presidente vicario del tribunale Gianni Fruganti e parlamentari del territorio, il messaggio inviato dal ministro all'onorevole Walter Verini lascia ben sperare. “O vado io o li convoco”, ha digitato Bonafede e questo sembra preludere ad un imminente incontro. In attesa di impegni concreti per risolvere il caso Arezzo, è intanto certo l'arrivo del giudice Ruggiero. Al quale fa esplicito riferimento il presidente Fruganti nella relazione fresca di inchiostro sulla situazione del tribunale definita “all'orlo del collasso” per una serie convergente di fattori: “impegni molto gravosi, importanti scoperture in tutti i settori e l'essere il tribunale acefalo nella dirigenza, anche amministrativa”. Sul versante civile molti i posti vacanti, in partenza nel 2020 anche il giudice Marco Cecchi, diretto a Firenze, oltre al giudice Michela Grillo, a Cassino. Nel penale, però, le difficoltà maggiori: ultime settimane di lavoro ad Arezzo per due giudici del calibro di Angela Avila, in partenza per Perugia, e Piergiorgio Ponticelli, che va a Firenze. Se ne vanno tra marzo e aprile, con il giudice Giulia Soldini che passerà a rinforzare l'ufficio Gip altrimenti sguarnito. Da considerare, poi, che il presidente della sezione penale del Tribunale, Gianni Fruganti, sta svolgendo, dal 1 settembre 2019 (pensionamento anticipato di Clelia Galantino), funzioni di presidente vicario del Tribunale, e contemporaneamente presiede il collegio giudicante incaricato della trattazione del processo Banca Etruria per bancarotta. “Tale situazione, insieme con le attuali vacanze (4 destinate a salire a 5 entro luglio), si riflette sulle capacità di definizione dei restanti affari”, ha sottolineato Margherita Cassano, presidente della Corte d'Appello di Firenze, durante la cerimonia di inaugurazione dell'anno giudiziario.