Arezzo, coltivava canapa per l'amico malato: niente condanna, volontariato al canile

Il caso marijuana

Arezzo, coltivava canapa per l'amico malato: niente condanna, volontariato al canile

08.02.2020 - 10:28

0

Coltivava la marijuana per l’amico gravemente malato. Il giudice, anziché condannarlo, ora lo mette alla prova. Lavori socialmente utili al canile dell’Enpa a partire da settembre per il 42enne operaio orafo aretino che fu arrestato a ottobre a Ripa di Olmo vicino ad Arezzo. E’ questo l’esito del processo per Marco B., accusato di produzione di sostanza stupefacente, finito nei guai dopo un blitz dei carabinieri nella serra a casa di Walter De Benedetto, l’uomo affetto da artrite reumatoide, costretto sulla sedia a rotelle, al centro di un drammatico caso che fa discutere.

L’amico che si occupava della sua piantagione, rischiava una pesante condanna. I militari lo sorpresero con l’annaffiatoio in mano. E sequestrarono 25 chili di canapa nelle varie fasi del ciclo vegetativo e di essiccazione. L’operaio faceva la spola da Arezzo a Ripa di Olmo per dare una mano a De Benedetto: la quantità di cannabis terapeutica passata dalla Asl per la sua patologia gli risultava insufficiente. Così con l’orto e il macchinario ad hoc, si era organizzato e Marco B. era il suo giardiniere di fiducia. Rischiava una pesante condanna.

Ma il giudice Giulia Soldini, valutate tutte le circostanze, ha dimostrato che al di là del dato ponderale si deve tener conto della situazione oggettiva. Ha accolto la richiesta degli avvocati difensori Cristiano Cazzavacca e Osvaldo Fratini di derubricare il reato dal primo al quinto comma, quello più leggero, aprendo così la strada alla messa alla prova. Significa che il processo si stoppa qui, senza condanna. E il reato si può estinguere se nel periodo di volontariato l’imputato dimostra ravvedimento e buona condotta. La fedina penale resta immacolata.

Il 42enne ha chiesto di poter svolgere il servizio, gratis, all’Ente nazionale protezione animali. Un modo per rendersi utile, accanto ad animali randagi che hanno bisogno di continua assistenza. Il programma sarà seguito dal tribunale nei successivi step, per verificare che tutto proceda nei corretti binari. L’uomo era in aula. Walter De Benedetto, 48 anni, no. In questo periodo non sta bene. Le sue condizioni si sono aggravate. La terapia a base di cannabis prescritta dai medici va avanti e il dosaggio adesso è sufficiente.

Ma l’artrite reumatoide contro cui combatte tenacemente è una brutta bestia. “Non riesco a fare quasi più niente”, scrive in uno dei post recenti su facebook. “Ha sempre avuto fede nella giustizia”, dicono le persone che gli stanno vicine. Quindi l’esito del procedimento lo ha soddisfatto. Del resto Walter aveva scritto un post nel quale si legge: “Marco ha avuto la sola colpa di essermi passato a trovare il giorno sbagliato! La mia speranza è che nessuno debba pagare per qualcosa di cui non ha responsabilità”.

La vicenda di Ripa di Olmo ha acceso i riflettori sulla vicenda umana di De Benedetto e su una questione che fa discutere: l’uso della cannabis per determinate situazioni. Andrea Scanzi, vicino alla causa di Walter, a fine 2019 lo ha definito il vero “aretino dell’anno” schierandosi al suo fianco. A chi pontificava sulla cannabis come sostanza negativa, De Benedetto ha risposto sempre sui social: “Se qualcuno potesse camminare tre giorni nelle mie scarpe allora sarebbe in grado di giudicare!” Quando la Cassazione mesi fa ha affermato che la coltivazione domestica di piccole quantità non è punibile, ha commentato: “Le Procure della Repubblica dovrebbero occuparsi di reati gravi e non certo di chi prova a coltivare per sé un fiore magico, che da millenni accompagna l’uomo! Io l’ho fatto per necessità ed oggi leggendo questa notizia mi si riempie il cuore di speranza, per tutti i malati e per chiunque ne abbia bisogno per vivere meglio la sua vita!”

La battaglia di Walter è lunga, il percorso tortuoso e doloroso. Ieri era il giorno dell’amico. La giustizia ha dimostrato di non volersi accanire. L’assoluzione non ci poteva stare, perché le leggi sono rigide, ma la messa alla prova (volontariato per un periodo da 3 a 24 mesi) ora può cancellare tutto.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Video incredibile: auto contromano sulla circonvallazione di Ascoli Piceno. Finisce con un incidente stradale
Il caso

Video incredibile: auto contromano sulla circonvallazione di Ascoli Piceno. Finisce con un incidente stradale

Il video è incredibile e lascia sbalorditi. Un'auto percorre chilometri contromano. Accade sulla circonvallazione di Ascoli Piceno, strada che costeggia la città marchigiana e si collega poi con la Salaria, la statale che conduce a Roma. La vettura inizialmente attraversa ripetutamente la doppia linea continua, poi si sposta completamente sulla corsia di sinistra, come se viaggiasse in un paese ...

 
Inter agli ottavi di Europa League di calcio, doppia vittoria con il Ludogorets
CALCIO

Inter agli ottavi di Europa League di calcio, doppia vittoria con il Ludogorets

L'Inter ha concesso il bis anche nella gara di ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League e si è qualificato agli ottavi di finale. All'andata in Bulgaria si era imposta per 2-0. A San Siro a porte chiuse a causa dell'emergenza Coronavirus, ha battuto ancora il Ludogorets, ma con il punteggio di 2-1, dopo aver ribaltato con Biraghi e Lukaku il gol di Oliveira Souza. 

 
Inter-Ludogorets, gollonzo di Lukaku per il vantaggio dell'Inter in Europa League
CALCIO

Inter-Ludogorets, gollonzo di Lukaku per il vantaggio dell'Inter in Europa League

L'Inter ha ribaltato il Ludogorets con un autentico "gollonzo" di Lukaku nella gara di ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League: 2-1. Allo scadere del primo tempo il belga ha tentato il colpo di testa quasi a botta sicura, ma il portiere dei bulgari ha respinto, la palla è tornata proprio verso Lukaku che quasi involontariamente ha ribadito in rete sempre di testa mentre era steso a ...

 
Il paradiso delle signore, Umberto Guarnieri scoprirà che Federico è suo figlio e non solo

Soap

Il paradiso delle signore, Umberto Guarnieri scoprirà che Federico è suo figlio e non solo

Ultimi due mesi di lavoro negli studi Videa a Roma per gli attori della fiction di Rai1 Il Paradiso delle signore, che nelle ultime puntate ha raggiunto ascolti incredibili, ...

28.02.2020

Samanta Togni e Mario Russo a Dubai sfidano il Coronavirus in mascherina: Siamo italiani e non tossiamo

Social

Video Samanta Togni e Mario Russo sfidano il Coronavirus in mascherina

Samanta Togni e Mario Russo sfidano il Coronavirus in mascherina. La ballerina, protagonista di Ballando con le stelle, e il chirurgo, di rientro da Dubai, si filmano ...

27.02.2020

Gianluca Vacchi e Sharon Fonseca, bacio di passione a Miami! Lui: "Sei il mio cielo"

Gossip

Gianluca Vacchi e Sharon Fonseca, bacio di passione a Miami! Lui: "Sei il mio cielo"

"Baciando il mio cielo". Gianluca Vacchi esalta ancora una volta la sua giovane fidanzata, Sharon Fonseca. Lo fa pubblicando una splendida foto sul suo profilo Instagram (14,...

27.02.2020