Oro al nero, confiscato il tesoro di Fort Knox

Traffico di metallo

Arezzo, fiumi di oro al nero: chieste pesanti condanne per sette nel processo Fort Knox

17.02.2020 - 05:39

0

Fiumi di oro al nero tra Arezzo e la Svizzera. Viaggi settimanali da quindici chili alla volta. Con macchine dotate di appositi doppi fondi. Valigette piene zeppe di banconote e un luogo nel cuore della Valdichiana, a San Giovanni dei Mori (Marciano) dedicato agli scambi tra metallo e quattrini. Lì nella villa ribattezzata Fort Knox dal giorno del blitz della Guardia di Finanza: novembre 2012.

In due ore e mezza di requisitoria a ritmo incalzante, il pm Marco Dioni ha sintetizzato alla Vela la poderosa indagine. E ha proposto sette robuste condanne da sei a due anni e mezzo di reclusione per chiudere il cerchio del super processo spezzettato in più vicende (patteggiamenti e riti abbreviati) e in più tribunali d’Italia. Commercio abusivo di metallo prezioso, ricettazione e associazione a delinquere i reati. Dopo l’appassionato intervento del magistrato, sono seguite le arringhe degli avvocati difensori, tra cui Piero Melani Graverini. Sentenza il 10 marzo.

A pronunciarla sarà il presidente Giulia Soldini, con a latere gli avvocati Claudio Lara e Stefano Cascone. I primi 15 chili di lingotti e lamine trasportati di nascosto saltarono fuori il 7 agosto 2012, in A1. Ma il pm Dioni e le fiamme gialle aretine erano già sulle tracce dei trafficanti. La matassa delle indagini indicò una struttura piramidale, con al vertice Petrit Kamata, imprenditore svizzero di origini albanesi, nelle intercettazioni chiamato “Mister” o “lui”. Il capo dei capi non si poteva nominare. Sotto di sé aveva schiere di fornitori di metallo al nero. Nel ventre del distretto orafo aretino ne viaggiava tanto.

Quasi 200 i milioni di oro contrabbandato tra 2010 e 2012.  Il pm Dioni ha citato intercettazioni imbarazzanti, puntato l’indice sull’omertà e i ‘non ricordo’ di tanti, sui patrimoni accumulati in modo illecito, sulle bolle di accompagnamento strappate. E poi i banchi metalli che coprivano le consegne, il “codice” Kamata che prevedeva l’estromissione di chi sgarrava, le sim cambiate di continuo nei telefonini, i messaggi cifrati. Il marcio che c’era. E l’orgoglio di averlo fatto emergere. Perché, dice il pm: “bloccare il mercato di oro al nero significa dare ossigeno a quello ufficiale”. Chiuse le indagini, con 150 indagati in tutta Italia, una sessantina furono gli imputati ad Arezzo. Nel 2017 la maxi sentenza del giudice Marco Cecchi: chi optò per la messa alla prova, in 34 patteggiarono pene da sei mesi ai 2 anni, 16 i riti abbreviati e 7, appunto, i rinviati a giudizio.

Le richieste di ieri sono: sei anni di reclusione per Luigi, Pietro e Gianfranco Borrelli, operanti tra Napoli e Marcianise, sei anche per Gianluca Ronconi, dello stesso gruppo, e 3 anni e 9 mesi per Agnese Borrelli. Per Luca Vanin e Paolo Prevedoni, di Valenza, 3 anni e due anni e mezzo. La Cassazione intanto ha reso definitive le condanne precedenti. In sospeso le confische per 200 milioni ai contrabbandieri. Per ora, meglio di niente, ne sono stati rastrellati 25 in titoli, contanti, oro e immobili, tra i quali la villa di Fort Knox.

Luca Serafini

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Coronavirus, posti di blocco nella zona rossa in Lombardia: la polizia ferma tutti i mezzi in transito
L'epidemia

Coronavirus, posti di blocco nella zona rossa in Lombardia: la polizia ferma tutti i mezzi in transito

Coronavirus, posti di blocco di polizia e forze dell'ordine sulle strade che portano ai Comuni della cosiddetta "zona rossa", in Lombardia, dove si è registrato il focolaio del virus cinese. Il video mostra l'attività degli agenti, che fermano i veicoli in transito, chiedendo agli automobilisti dove siano diretti e per quale motivo. Attualmente, infatti, è vietato entrare e uscire dalla zona ...

 
Coronavirus, supermercati delle zone colpite presi d'assalto

Coronavirus, supermercati delle zone colpite presi d'assalto

(Agenzia Vista) Milano, 23 febbraio 2020 Coronavirus, supermercati delle zone colpite presi d'assalto Scaffali vuoti e supermercati presi d'assalto nelle zone colpite dal Coronavirus per il timore di restare senza beni di prima necessità Fonte Twitter Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Grande Fratello Vip, le anticipazioni della puntata di oggi

Televisione

Grande Fratello Vip, le anticipazioni della puntata di oggi

Torna oggi, lunedì 24 febbraio 2020, la nuova puntata del Grande Fratello Vip 2020. Ecco alcune anticipazioni. Clizia Incorvaia è a rischio squalifica dopo l'epiteto ...

24.02.2020

Live - Non è la d'Urso, lite fra Vittorio Sgarbi e Barbara d'Urso in diretta, volano parole pesanti VIDEO

Televisione

Live - Non è la d'Urso, lite fra Vittorio Sgarbi e Barbara d'Urso in diretta, volano parole pesanti VIDEO

Lite furibonda tra Vittorio Sgarbi e Barbara d'Urso a Live - Non è la d'Urso. Nel programma di domenica 23 febbraio su Canale5, alla fine la conduttrice si rivolge al critico ...

24.02.2020

Nel Paradiso delle signore arriva un nuovo personaggio e porterà un'altra storia d'amore

Soap

Nel Paradiso delle signore arriva un nuovo personaggio e porterà un'altra storia d'amore

Nel Paradiso delle signore, la fortunata fiction di Rai1, sarà una settimana con tanti colpi di scena. Ed anche di un nuovo ingresso. Dopo quello di Ennio (Tommaso Basili), ...

24.02.2020