Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus nella scuola elementare di Bibbiena. Maestra contagiata: 252 in quarantena

Il sindaco di Bibbiena, Filippo Vagnoli

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Arrivano gli aggiornamenti sulla maestra di San Giovanni Valdarno che insegnava nella scuola elementare Dovizi di Bibbiena, risultata positiva al Coronavirus. Sindaco e Giunta di Bibbiena stanno lavorando alacremente nella sede del Comune per affrontare al meglio l'emergenza covid-19. Il Sindaco Filippo Vagnoli commenta: “Stanno partendo le notifiche di quarantena per i 242 alunni della Scuola Primaria e 10 tra insegnanti e collaboratori della scuola stessa. Le notifiche arriveranno alle famiglie per mail, per coloro che hanno a disposizione questo mezzo che ci è stato fornito dalla scuola. Per coloro che non hanno la possibilità di utilizzare la mail, la notifica arriverà direttamente a casa dal messo comunale. La cosa importante da sapere è che si tratta comunque di misure precauzionali per tutelare innanzitutto le famiglie e quindi la comunità, visto che questi bambini possono avere avuto contatti con un probabile caso positivo.  Dico probabile perché di fatto la maestra in questione è risultata positiva al primo tampone, ma siamo in attesa della risposta relativa alla verifica dello stesso. Cosa altrettanto importante da sapere e capire. I genitori non sono in quarantena o sorveglianza cautelativa perché sono contatti indiretti e gli scienziati in questo sono stati molto chiari. Per loro non è necessaria.  Ogni giorno il personale medico della Asl Toscana sud est si metterà in contatto con le famiglie per monitorare in modo adeguato la situazione. Vorrei fare un appello a tutte le famiglie e a tutti i miei cittadini. Dobbiamo mantenere la calma e fidarsi e affidarsi alle autorità. Alle famiglie a cui arriverà la notifica di quarantena verranno fornite indicazioni precise di comportamento. Per gli altri cittadini raccomandiamo di seguire le indicazioni del mondo scientifico e le regole basilari a livello igienico che ormai conosciamo tutti. Limitiamo al minimo indispensabile gli spostamenti fuori dal territorio. Se ognuno di noi collaborerà in modo adeguato riusciremo a superare bene questo momento difficile per tutti”.