Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, ad Arezzo arrivano le mascherine dalla Regione. Grasso: "Bene, ma ancora non bastano"

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Arrivano le mascherine dalla Regione Toscana. Ma non bastano. Ne servono ancora. Specialmente se nei prossimi giorni, la situazione in ospedale dovesse peggiorare e dovessero arrivare altri pazienti anche da fuori provincia. Il presidente di Opi (Ordine delle professioni infermieristiche di Arezzo), Giovanni Grasso sottolinea: “E' una donazione pari ad una boccata di ossigeno e che soprattutto dà fiducia nei confronti del personale. Siamo contenti che la Regione sia venuta personalmente a consegnarle, ma non bastano. Basti pensare che in rianimazione servono circa 100 kit al giorno di materiale protettivo”. Grasso non sa quanto possano durare quelle consegnate dalla Regione: “Forse una settimana, forse tre giorni - sottolinea - dipende dall'uso. Basti pensare che abbiamo avuto momenti di carenza tali da sanificare i dispositivi che già avevamo”. Intanto sabato 21 marzo il Calcit ha donato altre 200 tute marchiate CE e 12 visiere protettive. “C'è bisogno di tutto. Servono dispositivi protettivi: tute, camici, mascherine, guanti tutti con certificazione CE. ARTICOLO IN EDICOLA SUL CORRIERE IL 22 MARZO E ON LINE