Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, Coronavirus: a Montevarchi sindaco regala per Pasqua ai cittadini mascherina e fiori

Il sindaco Silvia Chiassai Martini

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Coronavirus, a Montevarchi il sindaco Silvia Chiassai Martini fa un doppio dono ai cittadini. Mascherine, la necessità del momento, e piantine fiorite, identità di un territorio vocato al vivaismo oltre che segno di speranza. Vengono distribuite porta a porta come omaggio per questa Pasqua 2020 vissuta nel segno del sacrificio collettivo e dell'unità contro il Covid-19. Già sabato 4 aprile il sindaco era assieme ai volontari a distribuire porta a porta le mascherine protettive assieme ad una pianta ornamentale. L'esecutivo di Palazzo Varchi ha acquistato i fiori dai florovivaisti di Montevarchi “per dare un sostegno anche a loro - ha spiegato la prima cittadina - che sono una componente importante della nostra economia.” L'auspicio del sindaco è che il giorno di Pasqua tutti possono avere alle finestre o nei proprio balconi una piantina dai colori vivaci che metta un po' di allegria e costituisce un elemento distintivo di una comunità. Un dono per passare meglio la Pasqua che, a ribadito Chiassai, “non potrà essere condivisa con i nostri cari”. Anche le mascherine sono forniture locali, realizzate da aziende della moda che si sono convertite e che da settimane stanno producendo mascherine. Una prima distribuzione era già avvenuta.  “In questo momento di difficoltà è ancora necessario proteggerci. Per questo, con l'ausilio dei volontari, abbiamo pensato ad una nuova distribuzione di mascherine, ma con l'invito chiaro a stare a casa dove vi portiamo un pensiero colorato, simbolo della nostra città che ci possa dare anche un po' di buonumore e di senso di unità come comunità. Anche questo serve per ricordare il nostro senso di appartenenza.” Anche le etichette sono state stampate da una tipografia locale. Fulvio Bernacchioni