Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

"Troppi cento profughi per Badia Prataglia": sit-in davanti alla Prefettura

default_image

Marco Antonucci
  • a
  • a
  • a

Sono arrivati in più di cento, in rappresentanza dei 785 residenti. Anziani, bambini, intere famiglie: tutti insieme davanti alla Prefettura per dire no all'ipotizzato arrivo di cento immigrati a Badia Prataglia. Hanno consegnato un lungo documento e simbolicamente, hanno riconsegnato le chiavi delle loro attività commerciali. "Accoglienza da noi sempre garantita... Ma 100 sono troppi" recitava uno dei cartelli mostrati durante la protesta davanti al Palazzo della Prefettura ad Arezzo. "Non siamo un paese razzista - si legge nella lettera consegnata al Prefetto Saverio Ordine - ma chiediamo che il paese sia tolto da una logorante e snervante incertezza che esaspera gli animi e mina la serenità di un'intera popolazione; stabilire, fin da subito, un numero massimo e certo di profughi da mandare a Badia Prataglia nell'ordine di alcune unità". Arrivi che, lo hanno ribadito ieri mattina i residenti, devono tener conto del rapporto con i numeri della popolazione residente.