Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Liceale morto, domani l'addio. "Voleva fare l'architetto"

default_image

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

"Voleva fare l'architetto, gli piaceva studiare". Il babbo di Andrei Claudiu sul Corriere in edicola (edizione 29 novembre) parla del figlio morto a soli 14 anni in seguito all'aneurisma che lo ha colpito mentre si incamminava verso il Liceo Scientifico di Castiglion Fiorentino. "Era cintura rossa di taekwondo e sarebbe diventato cintura nera". Piccolo imprenditore del cartongesso, di Camucia, l'uomo racconta come è maturato il nobile gesto della donazione degli organi che hanno permesso di aiutare molte persone. "Un atto d'amore". Originari della Romania, ma da anni in Italia, integratissimi e stimati, i Tiseanu vivono un momento di grande dolore. Andrei Claudiu era il figlio unico dell'uomo, 41 anni, e della moglie, che la mattina stessa del malore (18 novembre) sono corsi in ospedale e fino all'ultimo hanno sperato. La salma resta ancora esposta alla cappella dell'ospedale Santa Margherita della Fratta. Domani, domenica 30 novembre, alle 15 i funerali nella chiesa di Cristo Re a Camucia. La famiglia è di origine ortodossa ma sarà officiato il rito cattolico. "C'è un solo Dio" dice il babbo, che invita tutti a partecipare all'ultimo saluto ad Andrei Claudiu.