Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, il vice sindaco Gamurrini indica i lavori che ripartono. Solo via Fiorentina resta in lockdown

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Per la viabilità “smart” che gli aretini sognano da anni al posto dell'odioso incrocio di via Fiorentina, serve ancora pazienza. Cantiere sospeso. Problemi di fornitura di materiali, complicazioni legate alla paralisi economica per il Coronavirus, frenano la realizzazione del sottopasso e della rotatoria. “Stiamo seguendo questa situazione e contiamo di risolverla, ma intanto partono una serie di interventi importanti”, annuncia Gianfrancesco Gamurrini, vice sindaco con delega ai lavori. “Maggio vedrà il via ai cantieri di riqualificazione nei quartieri di Saione e San Donato per rifacimento marciapiedi e strade, con 850 mila euro del bando periferie. E con tre milioni sostituiremo i vecchi lampioni con quelli a Led, anche a Pescaiola”. Si riparte, insomma, con betoniere, camioncini, cartelli stradali. Nulla come prima, però. Dalle mascherine degli operai alle distanze. Però il lockdown dei cantieri c'è. “Importante è l'intervento da quasi 400 mila euro sul Parco Ducci con la creazione di un'area giochi molto attrezzata e la sostituzione dei punti luce. L'area verde, una volta finita, avrà una trasformazione notevole. Ultimi ritocchi al parco di Via Arno e ormai in vista un cantiere di spessore come il prolungamento dei giardini Porcinai davanti alla stazione ferroviaria.” Un luogo cruciale della città che prima dell'emergenza Coronavirus stava cambiando aspetto dietro la recinzione, per dare allo scalo ferroviario di Arezzo il volto che merita. Poi la frenata. “Il cantiere è di Rfi, ma noi ci occupiamo dell'allargamento dei giardini, con restringimento della carreggiata, per consentire il nuovo sistema di pedonalizzazione della zona di Piazza della Repubblica”. Chissà se anche le vasche con le statue della Chimera sui due lati della piazza torneranno a zampillare. “Partono subito i cantieri stradali annunciati dal sindaco e quindi via Calamandrei, la pista ciclabile di via Benedetto da Maiano, il prolungamento della tangenziale tra viale Santa Margherita via Buonconte, la nuova viabilità di Rigutino. Per impegni sopravvenuti alle ditte, a metà maggio le asfaltature di via Romana e Fiorentina. Nuovi marciapiedi a Rigutino-Nocetella e a Santa Firmina”. Tutti lavori già appaltati, spiega Gamurrini. Mentre il piano triennale delle opere pubbliche è stato stoppato. “Priorità è l'emergenza sociale ed economica. Sentiamo tutta la responsabilità di un momento inimmaginabile. Siamo compatti e determinati, intorno al sindaco Ghinelli che gestisce la situazione come un buon padre di famiglia, sicuro e rassicurante”. Luca Serafini