Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, amica uccisa a colpi di spranga: pm chiede 12 anni e 6 mesi per Ferrini

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Dodici anni e mezzo di reclusione. E' la pena chiesta dal pm Chiara Pistolesi per Federico Ferrini, l'uomo 38enne che ad agosto 2019 uccise a colpi di spranga in testa l'amica brasiliana, Maria Aparecida Venancio de Sousa, 60 anni. In arrivo oggi, giovedì 7 maggio 2020, ad Arezzo, la prima sentenza in videoconferenza per un caso di omicidio. L'imputato, reo confesso, è collegato via Skype dal carcere. L'imprenditore agricolo del Casentino viene giudicato con rito abbreviato che consente lo sconto di un terzo della pena per i delitti che non sono punibili con l'ergastolo. Come quello di via Della Robbia, dove non viene contestata la premeditazione né alcuna altra aggravante. Si sarebbe trattato di omicidio d'impeto al culmine di una lite scoppiata per motivi economici. L'entità della condanna (da 21 a 24 anni) viene diminuita di un terzo per il rito. Il pm avrebbe poi applicato le attenuanti generiche per una ulteriore riduzione. Sarà il giudice Giulia Soldini, in mattinata, ad emettere il verdetto. Parte civile sono il marito della vittima, assistito dall'avvocato Alessandro Calussi, una sorella e la figlia, assistite dall'avvocato Davide Scarabicchi. Ferrini ha prodotto al giudice anche la relazione del direttore del carcere che attesta la sua buona condotta dal momento in cui venne arrestato dalla squadra mobile.