Rieti, nessun nuovo positivo, guarite quattro persone

L'inchiesta giudiziaria

Arezzo, Coronavirus: autopsia su ospite della Rsa di Montevarchi morto a 67 anni

22.05.2020 - 09:38

0

Giacomo aveva 67 anni e il giorno in cui è morto per Covid-19, il 14 maggio, gli era arrivato il telefono cellulare che tanto desiderava e che non ha potuto usare. Giacomo aveva una disabilità psichica ma era in salute, dicono i suoi familiari. E’ stato il ventesimo ospite della Rsa di Montevarchi a morire dopo essere stato contagiato nella struttura che doveva proteggerlo e accudirlo.

“Aveva difficoltà motorie e psichiche, ma stava bene, non soffriva di patologie particolari, e questo ha reso la sua morte ancora più inaccettabile per il fratello e i parenti”, dice l’avvocato Elisa Torricelli che con i familiari ha presentato l’esposto-denuncia in procura. Giacomo è il primo morto di Covid della provincia di Arezzo sulla cui salma viene eseguita l’autopsia nell’ambito delle inchieste sui 32 morti nelle Rsa, tutte riunificate in un solo filone con indagini, per ora contro ignoti, affidate ai carabinieri del Nas.

L’autopsia sarà eseguita lunedì a Careggi, dove verrà trasferito il corpo del 67enne dall’obitorio del San Donato, l’ospedale dove Giacomo si è spento. Serve una sala sicurissima, con tutte le dotazioni in grado di proteggere lo staff di medicina legale in un esame delicato e rischioso per possibili contagi. La procura ha affidato l’incarico al professor Marco Di Paolo, della medicina legale dell’Università di Pisa.

La sua relazione sulle cause di morte del 67enne confluirà nel fascicolo nel quale rientrano i casi degli altri morti nelle case di riposo del Valdarno: 20 a Montevarchi e 12 alla Fabbri Bicoli di Bucine. “Non puntiamo l’indice contro nessuno ma chiediamo che venga chiarito se i soggetti che a vario titolo si sono occupati di Giacomo nella Rsa hanno fatto tutto quanto era possibile per scongiurare quello che è avvenuto”, dice l’avvocato Elisa Torricelli. Era una persona “speciale”, Giacomo. Disabile sì, ma si poteva conversare con lui, interagire. Per molto tempo degente a Terranuova, poi Montevarchi. Aveva l’amministratore di sostegno.

Il tampone del 29 marzo diceva che era negativo al Coronavirus. Ma il 14 aprile è arrivata la comunicazione: “Positivo al Covid-19”. Non avendo un quadro clinico compromesso né un’età avanzata (la media dei deceduti aretini, in tutto 44, è 85 anni) si pensava che ce la facesse.

Invece è stato un calvario: prima trasferito a Villa Rugani a Monteriggioni, poi al Modica della Gruccia, quindi l’aggravamento e il ricovero al San Donato il 13 maggio. Il giorno dopo la morte. L’esposto dei parenti ha stoppato l’iter del seppellimento o cremazione. A distanza di dodici giorni ci sarà l’autopsia. Non è escluso che lo sviluppo dell’inchiesta possa portare, se possibile, alla riesumazione di altri degenti morti nelle Rsa, per avere risposte certe sulle cause di morte. Poi Nas e magistrati del pool Covid dovranno accertare se la catena di decessi è stata inevitabile o se sono ravvisabili responsabilità nella gestione dell’emergenza.

Luca Serafini

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Manichini al ristorante per incentivare il distanziamento sociale

Manichini al ristorante per incentivare il distanziamento sociale

Roma, 3 giu. (askanews) - Distanziamento sociale? A Istanbul e in altri ristoranti di una nota catena turca, si è deciso di utilizzare manichini da mettere a tavola per incentivare la distanza anche tra i commensali. La Turchia questa settimana ha allentato molte restrizioni, bar e ristoranti hanno riaperto ma con le nuove regole. E allora via alla messa in scena con manichini di ogni genere, ben ...

 
Sicilia, Bertolaso consulente per protocollo sicurezza sanitario

Sicilia, Bertolaso consulente per protocollo sicurezza sanitario

Palermo, 3 giu. (askanews) - La Sicilia si riapre al resto del mondo attivando un Protocollo di sicurezza sanitario che coprirà l'intera stagione estiva e che si avvarrà della consulenza gratuita dell'ex capo della Protezione Civile Guido Bertolaso. I termini del protocollo sono stati illustrati a Palazzo Orleans agli operatori del turismo dell'isola. "In questo momento bisogna organizzare un ...

 
Oms risponde a Zangrillo: in Italia coronavirus c'è ancora

Oms risponde a Zangrillo: in Italia coronavirus c'è ancora

Milano, 3 giu. (askanews) - In Italia "non si può parlare di immunità da coronavirus", come anche negli altri Paesi. Una risposta chiara e semplice a seguito delle dichiarazioni del primario del San Raffaele di Milano Alberto Zangrillo. Il commento arriva dall'Organizzazione Mondiale della Sanità in un briefing online tenuto dall'Ufficio Regionale OMS per l'Europa sul COVID-19, per giornalisti di ...

 
Dal 4 giugno al via pubblicazioni DC Comics a cura di Panini

Dal 4 giugno al via pubblicazioni DC Comics a cura di Panini

Roma, 3 giu. (askanews) - Inizia una nuova era nel mondo dei fumetti. Da giovedì 4 giugno partiranno ufficialmente le pubblicazioni DC Comics a cura di Panini Comics! Superman, Batman, Wonder Woman, Flash e Lanterna Verde sono solo alcuni dei supereroi dell'Universo DC che troveranno nuova vita negli albi e nei volumi che Panini Comics renderà disponibili in formato cartaceo e digitale. Le ...

 
Jovanotti in bici in Umbria: "Volevo andare a Gubbio, ma troppi camion per strada. Ho deviato a Pietralunga"

SOCIAL

Jovanotti in bici in Umbria: "Volevo andare a Gubbio, troppi camion per strada"

Lorenzo Cherubini, per tutti Jovanotti, continua a scoprire i borghi d'Italia. Nelle settimane scorse si è dedicato alla provincia di Siena visitando con la sua bicicletta ...

03.06.2020

Oriana scatenata: lady Dybala infiamma Instagram con un balletto... caliente. Il video

SOCIAL

Oriana scatenata: lady Dybala infiamma Instagram con un balletto... caliente. Il video

Oriana Sabatini, fidanzata di Paulo Dybala, attaccante della Juventus, ha pubblicato un video davvero bollente sul suo profilo Instagram facendo letteralmente impazzire i ...

03.06.2020

Caso Floyd, Elisabetta Canalis si unisce ai manifestanti nelle strade di Los Angeles: il video

NEGLI USA

Caso Floyd, Elisabetta Canalis si unisce ai manifestanti nelle strade di Los Angeles: il video

Anche Elisabetta Canalis è scesa in strada a Los Angeles per manifestare insieme alle nipoti dopo la morte di George Floyd. La showgirl di origini sarde, ex velina di ...

03.06.2020