Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, nel centrodestra giochi riaperti per la Regione: ipotesi Mugnai. E Chiassai vicina a FdI

Stefano Mugnai (Forza Italia)

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Stefano Mugnai torna in gioco per il centrodestra che punta alla conquista della Regione Toscana. La scelta del candidato di coalizione potrebbe alla fine convergere proprio sul deputato aretino di Forza Italia e non su Susanna Ceccardi, indicata dalla Lega a marzo prima che l'emergenza Coronavirus rovesciasse tutto, politica compresa. La riflessione nel centrodestra è in corso (anche le quotazioni di Giovanni Donzelli, Fratelli d'Italia, salgono) mentre la prossima settimana a Roma verrà decisa la data della tornata elettorale: 20 o 27 settembre, pare. La fiammata di Mugnai, non è l'unica novità di rilievo nel centrodestra. Tra Fratelli d'Italia e Silvia Chiassai Martini ci sarebbe un forte avvicinamento. Tanto che la sindaca di Montevarchi, nonché presidente della Provincia di Arezzo, potrebbe essere schierata come capolista dal partito di Giorgia Meloni che stando agli ultimi sondaggi sarebbe tra 10 e 13% in Toscana. Certo, Silvia Chiassai proviene dall'area di Forza Italia, non è una militante di FdI, ma lo stesso partito alle ultime politiche ha presentato Letizia Giorgianni (leader del comitato Vittime Salvabanche) anche lei non proveniente dai ranghi interni. Giorgianni tra l'altro sarebbe anch'essa papabile per il ruolo di capolista, dopo essere stata nominata consulente nella Commissione parlamentare d'inchiesta sul sistema bancario (presidente Carla Ruocco, vice Felice Maurizio D'Ettore) in quota a Fratelli d'Italia. Attenzione però, perché in casa Fratelli d'Italia un grande peso lo eserciterà Francesco Macrì, figura di spicco a livello locale e nazionale del partito della Meloni, ora presidente di Estra. Dell'avvicinamento tra Fratelli d'Italia e Silvia Chiassai Martini tuttavia si parla molto in questi giorni. Rumors. La sindaca di Montevarchi per quanto provenga da un percorso diverso, ha assonanze con la politica di FdI e alla sua amministrazione partecipano i civici di Prima Montevarchi di cui è capogruppo Lorenzo Allegrucci, di FdI. Le risolute prese di posizione della sindaca contro la Regione in tema gestione dell'emergenza Covid, le hanno procurato consensi. A cavallo tra 2019 e 2020 si era parlato di lei anche come possibile candidato a governatore. Nel lotto di nomi figuravano pure i sindaci di Grosseto e Arezzo, Antonfrancesco Vivarelli Colonna e Alessandro Ghinelli. Quest'ultimo a fine febbraio ottenne il pieno appoggio dalla coalizione alla candidatura bis per Arezzo, nell'incontro al caffè vicino a Montecitorio tra i livelli nazionali e regionali dei partiti. Il 2 giugno Ghinelli, fortificato dalla gestione del periodo Covid, ha auspicato il voto a luglio. Luciano Ralli, candidato del centrosinistra, gli ha fatto sapere che è pronto alla sfida. Era poi stata Susanna Ceccardi, ex sindaca di Cascina ed europarlamentare della Lega a diventare candidata in pectore per la Toscana, su mossa del Carroccio. Mossa ora messa in discussione dai partner, anche per gli incastri di coalizione con le elezioni in Campania e Puglia. “Tutto deve essere ancora deciso, non solo in Toscana”, ha dichiarato ieri Mugnai a GranDucato Tv. “La candidatura Ceccardi era stata avanzata dalla Lega prima del Coronavirus. Sono stati tre mesi difficili, drammatici, nei quali è cambiato il mondo. Non si può pensare che non cambino la politica e certe scelte fatte.” E ancora: “Occorre una riflessione su quale sia, adesso, il candidato che abbia un messaggio in sintonia con il momento, perché le priorità sono cambiate. Si corre per vincere”. FdI, in forte ascesa, può giocare i nomi di Donzelli e Marcheschi, ma nel borsino Mugnai riemerge. “Eugenio Giani forte? No”, dice del candidato del centrosinistra. “Ha navigato dalla prima alla terza repubblica. Non oso immaginare se ci fosse stato lui durante l'emergenza. Almeno Enrico Rossi ha preso decisioni, anche se non le condivido”. Luca Serafini