Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, nella staffetta di Alex Zanardi attraverso l'Italia c'è il corridore Enrico Fabianelli

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

C’è un aretino nella grande staffetta organizzata da Alex Zanardi, con 52 atleti paralimpici. E’ Enrico Fabianelli, corridore di Castiglion Fiorentino che pratica mountain bike e ciclismo su strada. Pedalerà per due tappe del giro che dal 12 al 28 giugno si snoda attraverso l’Italia, da Luino fino a Santa Maria di Leuca. Un percorso lungo tremila chilometri con il quale Zanardi vuol lanciare un messaggio ben chiaro: “I valori di chi ha sofferto siano da esempio per un Paese che deve ripartire”. GUARDA LE FOTO DELLE TAPPE E DI FABIANELLI L’iniziativa si chiama Obiettivo Tricolore e in chiave locale il nostro Enrico è incarna alla perfezione l’atleta che supera limiti e sofferenze per guardare avanti e centrare grandi risultati. Il corridore di Castiglion Fiorentino nonostante la sclerosi multipla di cui soffre, è riuscito a scolpire il suo corpo e la sua mente per ottenere risultati ragguardevoli in sella bicicletta. Eccelle nella mtb, ha affrontato maratone di grande fatica, si esalta nelle salite, è competitivo nelle gare e di grande compagnia nelle uscite con gli amici. Ha corso per Bike Lr ed ora è tesserato per Anmil Sport Italia guidata dal presidente Pierino Dainese. Lavora come carrozziere, ha una splendida famiglia e fa parte del gruppo sportivo messo su da Alex Zanardi, Obiettivo 3. Il nostro Enrico riceverà il testimone della staffetta da un altro atleta a Pisa, il 18 giugno, e coprirà il tratto fino a Firenze. Poi, il giorno successivo, tappa da Firenze a Castelnuovo Abate. E proprio in questa frazione Enrico Fabianelli passerà dal suo paese, Castiglion Fiorentino, con tutta la troupe che segue Obiettivo Tricolore. In piazza del Comune l’atleta castiglionese riceverà un saluto ufficiale prima di rimontare in sella e proseguire. Alex Zanardi, bolognese, 53 anni, dopo l’incidente in formula Cart nel 2001 ha abbracciato il paraciclismo con risultati straordinari: 4 ori olimpici, 12 mondiali. E’ anche conduttore televisivo, ed è l’esempio vivente di chi non molla mai. L’invito che ha rivolto al gruppo di atleti, molti dei quali in su hand bike, è quello di compiere una piccola impresa personale che possa essere di ispirazione in un momento storico in cui ce n’è bisogno. Obiettivo Tricolore passerà anche sotto il Ponte Morandi, altro simbolo della ricostruzione e di un futuro che nasce dal dolore. Tra gli atleti, la speranza di Zanardi è che ne emergano alcuni per le prossime Olimpiadi. In tutto le tappe sono 43 e prevedono il passaggio del testimone tra un atleta e l’altro come in una staffetta. Ci sono alcuni itinerari iniziali, bianco, rosso e verde che poi confluiscono nell’itinerario che porta fino al tacco d’Italia. Zanardi sarà presente qua e là, con entusiasmo e trepidazione per la realizzazione di un sogno, questa staffetta, coltivata a lungo. E così carica di significati. Un abbraccio all’Italia, dice il campione paralimpico. Castiglion Fiorentino quindi si prepara a vedere sfilare per le strade di casa il portacolori locale, Enrico Fabianelli, campione di sport e di vita. Luca Serafini