Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Procura, udienza al Tar dopo il ricorso di Rossi: attesa per la decisione

Marco Antonucci
  • a
  • a
  • a

L'udienza al Tar del Lazio si è formalmente tenuta, sia pure con le forme particolari dettate dall'emergenza Covid. Le parti hanno depositato delle memorie scritte e adesso non resta che attendere la decisione dei giudici sul ricorso presentato da Roberto Rossi contro la delibera del Consiglio superiore della magistratura che, nell'ottobre scorso, ha stoppato il suo secondo mandato alla guida della Procura della Repubblica di Arezzo. In questi mesi Rossi ha continuato il suo lavoro sia pure non più nella veste di procuratore capo, con le funzioni che sono state temporaneamente affidate ai magistrati Luciana Piras prima e, adesso, a Luigi Bocciolini. Una questione, quella legata al ricorso, che in questi mesi ha conosciuto anche altri, parziali, verdetti: Rossi si è visto dar ragione prima dal Tar del Lazio (a gennaio) che ha sospeso il bando del concorso che era stato deliberato dal Csm per trovare il suo sostituto alla guida della Procura aretina; una decisione poi confermata (a marzo) anche dal Consiglio di Stato che ha respinto il ricorso presentato da Palazzo dei Marescialli contro la decisione del Tar. Niente concorso dunque, almeno fino a quando non si conoscerà il verdetto dopo l'udienza di merito che si è tenuta mercoledì 10 giugno al Tar del Lazio.