Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Bomba della Seconda guerra mondiale da disinnescare: evacuazione di duemila persone

Marco Antonucci
  • a
  • a
  • a

L'evacuazione scatterà a partire dalle 7 del mattino di domenica 14 giugno: 2.200 le persone interessate, residenti nei centri abitati di Rassina e Pieve a Socana (comune di Castel Focognano) e di Gargiano (comune di Chiusi della Verna). Un'operazione necessaria per permettere il disinnesco e il successivo brillamento di una bomba di aereo da 500 libbre, un residuato bellico della Seconda Guerra Mondiale. Ad occuparsene saranno i militari del Secondo Reggimento Genio Pontieri di Piacenza. In Prefettura sarà attivata l'Unità di crisi che, coordinata dal Prefetto, opererà in costante contatto con il Punto di controllo avanzato presso il Centro operativo intercomunale di Corsalone. Tra i vari provvedimenti adottati anche la chiusura temporanea di alcune strade: tra queste anche la regionale 71 nelle località di Calbenzano, Corsalone, Groppino e Bagnacci. Una volta terminato lo sgombero dell'area interessata, avranno inizio le operazioni di dispolettamento dell'ordigno che, presumibilmente, si protrarranno per circa due ore. Poi la bomba, resa inoffensiva, verrà trasportata in una vicina cava per il brillamento da parte degli artificieri. Il rientro graduale nelle abitazioni è previsto, orientativamente, intorno alle 14.