Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

L'arcivescovo "difende" padre Graziano. E su Arezzo: "Più dibattito, meno plebisciti"

Marco Antonucci
  • a
  • a
  • a

L'arcivescovo Riccardo Fontana "difende" padre Graziano e padre Faustino. Nel corso dell'incontro con la stampa in occasione delle celebrazioni di San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti, l'arcivescovo è tornato a parlare della vicenda di Cà Raffaello. "Preghiamo perchè la donna scomparsa torni a casa. Abbiamo piena fiducia nella magistratura, ora deve essere trovata la verità. Ma non è giusto che siano stati fatti passare per colpevoli padre Faustino e padre Graziano. E' stata distrutta l'immagine di un uomo andando dentro il suo computer mentre la magistratura sta ancora indagando. La Chiesa ha collaborato in tutto e per tutto, non abbiamo nulla da nascondere e nulla di cui pentirci". E poi, durante l'incontro, non sono mancati i temi legati all'attualità cittadina. "C'è tanta sofferenza, problemi legati al lavoro. Va ritrovato il verso, vorrei sapere quali sono i progetti per la città. A volte ho l'impressione che si cerchi più il plebiscito che il dibattito e il confronto".