Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Palpeggiò barista: condannato Pietrino Alberti. "Allibito, farò appello"

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Condannato a un anno e otto mesi per atti sessuali (nella forma lieve) l'ex consigliere comunale Pietrino Alberti. La sentenza è stata pronunciata dal tribunale di Arezzo (presidente Gianni Fruganti) a conclusione del processo nato dalla querela di una quarantenne che nel 2009 sosteneva di essere stata molestata e toccata al seno. Il fatto sarebbe avvenuto al Bar Juvex che all'epoca la famiglia Alberti gestiva e dove la donna lavorava come barista. L'ex consigliere di An ha sempre negato la circostanza con decisione. I giudici hanno creduto alla barista. Il pm aveva chiesto 3 anni. "Sono allibito", ha commentato Pietro Alberti che con l'avvocato Carlo Barsotti annuncia appello. Alberti a settembre termina di scontare in detenzione domiciliare i 5 anni e 11 mesi per Variantopoli. Dal tribunale di sorveglianza ha ottenuto il permesso di lavorare come cuoco presso un'associazione impegnata nel sociale e nel recupero. Sul fatto del bar, Alberti la definisce un episodio vecchio, che fa parte del passato e, in ogni caso, ripete: "Le cose non andarono così".  ARTICOLO SUL CORRIERE IN EDICOLA E ON LINE DEL 22 LUGLIO