Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Picchiato in casa, primi esiti dall'autopsia: le botte tra le cause della morte

Antonella Lunetti
  • a
  • a
  • a

Non sono state la causa della morte ma potrebbero aver aggravato le condizioni di un fisico già fortemente debilitato da patologie pregresse. E' stata l'equipe di medicina legale dell'Università di Siena, composta da Jacopo Nofri e Marco Doretti, ad eseguire nella mattinata di venerdì 21 agosto l'esame autoptico sul corpo di Gastone Pagni, 55enne aretino deceduto all'ospedale San Donato nella notte tra il 18 e 19 agosto. L'uomo, come noto, era stato ritrovato lo scorso 9 luglio all'interno della propria abitazione di via del Saracino in fin di vita con numerosi traumi conseguenti, come hanno ipotizzato gli inquirenti, ad una violente aggressione. Quaranta giorni dopo quell'episodio Gastone Pagni è deceduto in silenzio dopo essere stato nuovamente ricoverato all'interno del nosocomio cittadino per problemi respiratori. Secondo le prime indiscrezioni trapelate in seguito all'autopsia eseguita, sarebbe stato anche il lungo periodo di allettamento ad aver compromesso e aggravato le condizioni di salute dell'uomo. Un fisico debilitato e provato da altre patologie che si è ritrovato a dover far fronte ad una situazione di emergenza causata da pesanti traumi e emorragie.