Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gratien al ministro: "In cella perché nero". Sensitiva e rabdomante: "Guerrina è lì"

default_image

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Padre Graziano scrive una lettera al ministro Orlando nella quale si lamenta per l'ingiustizia nei suoi confronti: la mancata applicazione del braccialetto elettronico che il Tribunale del Riesame gli ha concesso il 3 dicembre, autorizzando il trasferimento dal carcere al convento. Gratien Alabi nella missiva, che sarà consegnata nei prossimi giorni, sostiene che il colore della sua pelle sarebbe motivo di un trattamento diverso. Si sente discriminato. I suoi legali preparano una denuncia contro ignoti su eventuali negligenze nella mancata esecuzione dei domiciliari. Intanto resta in qualche modo aperto il fronte delle ricerche del corpo di Guerrina Piscaglia. Guarda video: con Mirco alla concimaia mai controllata Torna a parlare il rabdomante del Valdarno, Antonio Sordi, che localizza in modo più preciso il luogo che 'sente' a Piandimeleto. Mentre una sensitiva laziale punta su San Gianni, indica il quadrante esatto del cimitero e afferma: "E' stata avvelenata". ARTICOLI SUL CORRIERE DI AREZZO IN EDICOLA E ON LINE DEL 20 GENNAIO