Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Orafi nel mirino dei banditi. Boldi: "Guardia alzata"

Esplora:

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Orafi aretini di nuovo nel mirino della criminalità. "Stavolta mirano alla persona non alle ditte", osserva Andrea Boldi, imprenditore, rappresentante di categoria per Confartigianato e presidente di Arezzo Fiere. Mentre si indaga sul caso dell'orafo bastonato e rapinato in via Romana, dopo aver risposto al citofono e aperto la porta, e sull'assalto con la Range Rover alla Gea di Manciano, il settore è scosso da un brivido. Da Boldi l'invito a non dare nulla per scontato, a tenere la guardia alzata, a considerare la sicurezza non come un dato acquisito (dopo l'ondata di furti degli anni scorsi che trovò impreparato il distretto orafo) ma qualcosa da coltivare giorno dopo giorno.  ARTICOLO SUL CORRIERE DI AREZZO IN EDICOLA E ON LINE DELL'8 FEBBRAIO