Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Acquisizione aziende in crisi con fondi neri: Carboni tra indagati

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Il faccendiere Flavio Carboni figurerebbe tra gli indagati della procura di Arezzo per associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio. Eseguite perquisizioni e sequestri dalla Guardia di Finanza in merito ad una organizzazione dedita ad acquisizioni di ditte in crisi con soldi al nero. Con Carboni sarebbe indagato anche l'imprenditore Valeriano Mureddu, vicino a Carboni,  il cui nome era emerso anche nel corso in relazione alla vicenda Banca Etruria. L'associazione, secondo la procura e le fiamme gialle, riciclava denaro provento di evasione fiscale per l'acquisizione di grosse imprese in forte difficoltà economica. Il nome di Carboni era spuntato a proposito del caso Banca Etruria per un incontro che sarebbe avvenuto nel 2014, grazie a Mureddu, con l'allora vice presidente di Banca Etruria, Pier Luigi Boschi su questioni attinenti la banca, in particolare la nomina del direttore generale.