Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

"Noi minacciati con la pistola", testimoni: così la rapina all'orafo

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Rapina all'orafo: è ancora caccia alla Citroen dei banditi. Mentre i testimoni raccontano al Corriere: "Potavamo le piante nel terreno lungo la 327, abbiamo udito il rumore dell'urto e pensavamo ad un incidente. Poi ci siamo visti puntare le pistole contro". Attimi di terrore a Vado di Monte San Savino nei pressi di Alberoro. Titolare e operai della azienda agricola La Coccinella lavoravano nel frutteto. Sono rimasti choccati. Rapidissimi i malviventi, che dopo aver tagliato la strada all'orafo, mascherati e armati sono saltati fuori dalla loro auto. "Hanno sfondato il finestrino, preso le chiavi e prelevato i gioielli dal baule della Clio finita nel fosso". Colpo da 100 mila euro. Importante per le indagini l'audizione della vittima da parte dei carabinieri, un artigiano pakistano con laboratorio ad Arezzo. Andava a consegnare il prodotto finito a una ditta di Alberoro. ARTICOLO SUL CORRIERE DI AREZZO IN EDICOLA E ON LINE DEL 30 MARZO