Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Guerrina, testimone: "Vidi Gratien e gli altri preti in una piazzola"

Padre Graziano con Giovan Battista e Silvano

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Spunta un altro testimone nel caso di Guerrina Piscaglia. Un uomo di Badia Tedalda che a distanza di quasi due anni si è sentito di dover segnalare che un giorno successivo al primo maggio (scomparsa della donna) vide tre preti di colore fermi lungo la Marecchiese, in una piazzola, che parlavano tra di loro. Sarebbero stati padre Graziano e i due confratelli che erano con lui a Cà Raffaello. Una immagine suggestiva, ma che di per sé non aggiunge alcunché alla misteriosa vicenda. In ogni caso il luogo esatto sarebbe stato individuato dagli inquirenti per i doverosi riscontri e controlli, nell'area sottostante che si affaccia sul Marecchia. Le ricerche condotte a più riprese con cani, ruspe e georadar in alcune zone nei dintorni di Cà Raffaello non hanno dato esito. Né il corpo né oggetti o indumenti riferibili a Guerrina sono stati mai trovati. Il testimone dice che i tre erano in piedi vicino ad un'auto blu. La nipote di Guerrina, Maria, torna sulle dichiarazioni televisive di Gratien dove ha negato tutto augurandosi che la donna sia viva: "Ogni volta aspettiamo che ci aiuti, che dica la verità, invece ha gettato fango su mia zia". ARTICOLI SUL CORRIERE DI AREZZO IN EDICOLA E ON LINE DEL 13 APRILE