Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gratien, nulla di fatto: il 13 giugno decisione su carcere, domiciliari, libertà

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Tutto rinviato al 13 giugno per padre Graziano. Il tribunale del Riesame ha accolto la richiesta dei legali del sacerdote congolese di riunire in un'unica udienza le due questioni in discussione: 1) il nuovo provvedimento sulla misura cautelare dopo la bocciatura dei domiciliari da parte della Cassazione; 2) l'appello della difesa contro il no della Corte d'Assise alla quale era stata chiesta la remissione in libertà dell'imputato. A Firenze tutto si è risolto in pochi minuti: erano presenti l'avvocato Riziero Angeletti e il consulente professor Sergio Novani, e il pm Marco Dioni. Il 13 giugno il ventaglio delle ipotesi sarà dunque questo: ritorno in carcere, permanenza ai domiciliari in convento e libertà. Prossimo round l'udienza di venerdì in Corte d'Assise: riprende il processo per l'omicidio di Guerrina Piscaglia. Alabi sarà presente. L'Assise non ha ancora fissato il giorno in cui può uscire dal convento per andare in Vaticano a disbrigare le pratiche per il permesso di soggiorno che scade il 26 maggio.