Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gratien poteva rifugiarsi in ambasciata. Risponde all'interrogatorio

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Giorni cruciali per padre Graziano: si riaccendono i riflettori sul giallo di Guerrina. Lunedì 13 giugno decisione dei giudici di Firenze sulla misura cautelare:il prete deve tornare in carcere o resta ai domiciliari in convento? Intanto l'avvocato Angeletti rivela al Corriere di Arezzo che Gratien Alabi, avuto il permesso dalla Corte di recarsi all'ambasciata del Congo e in Vaticano, per atti burocratici, poteva “rifugiarsi”, visto che si ritiene ingiustamente accusato, e sollevare un caso sulla sua vicenda, ma ha preferito non farlo. A riprova che “è persona affidabile”. E, annuncia il legale, Alabi si sottoporrà all'interrogatorio in Assise. Il processo ad riprende venerdì 17 giugno. ARTICOLI SUL CORRIERE DI AREZZO IN EDICOLA E ON  LINE DEL 12 GIUGNO