Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sparito con l'oro, il pm: "Appropriazione indebita"

Il furgone Securpol e Di Stazio

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Mentre il vigilante sparito con l'oro per quattro milioni resta irreperibile, la procura di Arezzo lo ha iscritto nel registro degli indagati per appropriazione indebita. Antonio Di Stazio, 60 anni, dipendente della Securpol è stato ripreso dalle telecamere della ditta Italiana Horo di Badia al Pino mentre fa manovra con il mezzo blindato carico di verghe auroargentifere destinate alla Chimet. Anziché attendere il collega che era sceso nell'azienda per un ritiro, è andato a trasferire il prezioso metallo in un altro veicolo col quale si è dileguato. I carabinieri del Nucleo Investigativo stanno visionando altri video di telecamere della zona. Sentiti i dagli inquirenti i colleghi. Negli ultimi tempi oltre a lasciare l'abitazione di Pieve al Toppo per prendere alloggio ad Arezzo, il vigilante non usava più la sua automobile e si faceva accompagnare al lavoro. ARTICOLO SUL CORRIERE DI AREZZO IN EDICOLA E ON LINE DEL 14 LUGLIO