Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Matrignano, i genitori scrivono al Ministro. Giovedì 6 incontro in Comune

L'assemblea dei genitori a Matrignano

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Non hanno alcuna intenzione di abbassare la guardia e nemmeno l'attenzione, i genitori dei bambini dell'asilo di Matrignano, la scuola che alla fine di giugno rischia la chiusura per lavori. Dopo la riunione venerdì scorso insieme all'assessore Lucia Tanti che si è presa del tempo per riflettere sulla proposta portata dalle famiglie e cioè far rimanere i bambini fino alla data certa dell'inizio dei lavori, è di oggi la notizia che presto sarà consegnata una missiva al ministro dell'istruzione, Valeria Fedeli. “Abbiamo intenzione di non arrenderci - dicono i genitori - Non vogliamo che le luci si spengano su questa situazione che per noi non è affatto risolta. Per questo abbiamo intenzione di scrivere al ministro e anche di costituirci, probabilmente, in un comitato per salvare l'asilo di Matrignano”. E un altro passo sarà fatto anche dall'onorevole Marco Baldassarre di Alternativa Libera che due settimane fa aveva portato un'interrogazione parlamentare ai Ministri dell'Istruzione Valeria Fedeli e delle Infrastrutture, Graziano Delrio, dove chiedeva se fossero stati informati della possibile prossima chiusura della scuola materna di Matrignano per via dell'assenza dei requisiti di agibilità della struttura, e per sapere cosa intendano fare. Ricordiamo che “la scuola è sicura, ma che non è a norma”, come ha dichiarato l'assessore comunale Lucia Tanti. Baldassarre aveva chiesto anche un incontro al sindaco Ghinelli. Incontro che ci sarà giovedì 6 aprile alle ore 13. “Mi incontrerò con il sindaco - dice Baldassarre - per cercare di trovare una soluzione e per capire se il Comune di Arezzo ha fatto la richiesta dei fondi che nel 2014 Renzi aveva messo a disposizione per le scuole. Ciò che mi preme sottolineare è che la questione di Matrignano - venuta fuori non per bocca dell'amministrazione, ma grazie ad un dirigente scolastico che ha comunicato quanto stava succedendo - potrebbe essere la prima di altre situazioni. Vorrei sapere se ci sono altri edifici scolastici che sono nelle stesse condizioni. Lo chiederò al sindaco nella più completa disponibilità collaborativa”. E poi c'è un altro punto: “I bambini so che saranno trasferiti alla scuola Tricca - conclude l'onorevole Baldassarre - Ma ancora i lavori non sono cominciati e mi arrivano voci che i genitori che hanno i ragazzi alla Tricca non sono troppo contenti, perché ci potrebbe essere un sovraffollamento. Questioni che chiarirò insieme al sindaco Ghinelli”. Mentre i genitori aspettano i risultati del colloquio.