Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Omicidio, negato permesso premio all'ex orafo in carcere

La vittima e l'omicida

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Negato il permesso premio all'ex orafo e cuoco Raffaello Marcantoni, in carcere dal novembre 2008 per l'omicidio di Franco Landucci, muratore di Tregozzano. Il cadavere venne trovato vicino a Ponte Buriano nei pressi di Arezzo con  il cranio sfondato a colpi di pietra. Le indagini strinsero su Marcantoni, poi condannato a 16  anni di  reclusione. Il permesso premio, chiesto per stare insieme al figlio, non ha avuto accoglimento perché l'istanza deve essere integrata con alcuni documenti: ma il prossimo  tentativo dovrebbe essere quello buono. E si avvicina anche il momento della semilibertà, che l'avvocato Gabriele Tofi si accinge a chiedere al tribunale di sorveglianza. In carcere l'uomo ha una condotta impeccabile e gode degli sconti di 45 giorni ogni semestre. Il fine pena è previsto nel 2022. Marcantoni, classe 1955, non ha mai confessato. Secondo la sentenza la lite e il delitto sarebbero avvenuti per motivi economici. ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI AREZZO IN EDICOLA DEL 29 APRILE