Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

E' Toscana Pride. Ghinelli alle famiglie Arcobaleno: "Il Comune è aperto a tutti"

Le famiglie Arcobaleno che hanno incontrato il sindaco

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Sta per arrivare l'onda arcobaleno. Alle 16 del 27 maggio scatta il Toscana Pride. Colori, musica e divertimento che dal Prato attraverserà la città e arriverà in piazza Sant'Agostino dove sarà solo l'inizio della seconda parte della festa. Lì, sul palco si esibiranno per la prima volta insieme i due cori Insieme Vocale Vox Cordis Arezzo e Omphalos Voices - primo coro LGBT-friendly dell'Umbria. Spazio poi agli interventi del Comitato organizzatore e dei principali sostenitori del Toscana Pride: Arci Toscana, CGIL Toscana e UISP Toscana, presentati dall'attrice Caterina Meniconi. Previsto anche un momento di approfondimento a cura di Amnesty International sulla situazione di grave repressione che le persone omosessuali stanno vivendo in Cecenia. “Siamo pronti ed è già grande l'entusiasmo - sottolinea Veronica Vasarri presidente dell'Arcigay Arezzo - Stanno già arrivando pullman da ogni parte d'Italia”. Il Toscana Pride è infatti il primo dell'Onda Pride in tutta Italia. E' per questo che in tanti non vogliono mancare all'appuntamento. Quattordici le associazioni che organizzano il Gay Pride: Agedo Toscana, Arcigay Arezzo "Chimera Arcobaleno", Arcigay Livorno "Libertà e Diritti", Arcigay Siena "Movimento Pansessuale", Arcilesbica Firenze, Arcilesbica Pisa-Livorno, Azione Gay e Lesbica Firenze, Consultorio TRANSgenere, Famiglie Arcobaleno Toscana, IREOS - Comunità Queer Autogestita Firenze, LuccAut, "Pinkriot" Arcigay Pisa , Polis Aperta e Rete Genitori Rainbow con il sostegno di Arci Toscana, CGIL Toscana, UISP regionale Toscana e BistrOUT Arezzo. E poi tantissime le associazioni che hanno dato la loro adesione. In testa al corteo ci saranno i rappresentanti del Comitato Organizzatore seguiti dai gonfaloni dei Comuni che hanno aderito e dagli amministratori in fascia tricolore. Sfileranno con striscioni e bandiere anche le oltre 40 associazioni che hanno aderito alla parata che sarà ritmata dalla band di percussioni al femminile Bandidas e sarà animata e colorata dai carri musicali delle associazioni. Non mancherà il pulmino delle Famiglie Arcobaleno Toscana che nella mattinata di sabato 27 maggio hanno incontrato il sindaco Ghinelli. “Un incontro cordiale”, dice il sindaco: “Ho conosciuto una realtà motivata e ben consapevole della propria presenza in città. Quello che è emerso è che il nostro territorio, la nostra società civile, accetta senza particolari atteggiamenti di discriminazione la loro realtà di coppia e di genitori. Ho percepito prima di tutto la ferma determinazione al pieno riconoscimento del ruolo genitoriale, la loro certezza di poter svolgere al meglio il compito di educatori nei confronti dei propri figli. E proprio i figli, il rispetto dei diritti dell'infanzia, l'attenzione alla sensibilità dei bambini sono stati al centro del nostro dialogo. A questi ultimi innanzitutto deve mirare l'impegno di tutti per una crescita corretta. La porta del Comune è aperta a tutti”.