Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rubò 4 milioni d'oro: giudici decidono su braccialetto elettronico

Il furgone Securpol e Di Stazio

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Maxi furto di oro per 4 milioni e mezzo di  euro, i  giudici del Riesame di  Firenze decidono se concedere i domiciliari con il braccialetto elettronico ad Antonio Di Stazio, ex vigilante Securpol in carcere per furto aggravato. Condannato  a 4 anni e mezzo per il colpo del secolo (luglio 2016, Badia al Pino, furgone portavalori svuotato), in attesa dell'appello (marzo 2018), per gli avvocati difensori Di Stazio è stato fin troppo in custodia cautelare in carcere: 15 mesi. E' l'ora che possa andare ai domiciliari con il dispositivo di controllo concesso anche agli autori di reati gravi come l'omicidio. L'udienza si è tenuta mercoledì 11 ottobre, si aspetta la decisione. La guardia giurata non ha mai fatto sapere che fine fecero le verghe d'oro ne' svelato i complici. ARTICOLO SUL CORRIERE DI AREZZO IN EDICOLA DEL 12 OTTOBRE