Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Morto sotto bus per un capriolo: il cane aspettava invano il padrone

default_image

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Grande commozione per la morte di Argante Sinatti ad Arezzo e a Pratantico dove viveva il settantenne ex dipendente di Enel in pensione. Sotto choc l'esperto autista del bus Tiemme che con il mezzo lo ha urtato sul ciglio della strada a San Leo, sabato 4 novembre dopo le 18, in un punto molto buio. Non è riuscito a evitare l'impatto con l'uomo che stava trascinando dal fosso laterale un capriolo morto. Da lumeggiare definitivamente tutte le sequenze dell'investimento su un tratto stradale pericoloso e caratterizzato da frequenti attraversamenti di  ungulati. Un particolare che rende ancora più triste la tragica vicenda: nell'auto della vittima, ferma sul lato opposto della strada, è stato trovato accucciato il suo cane, spaurito, che vanamente attendeva il ritorno del padrone. ARTICOLO SUL CORRIERE DI AREZZO IN EDICOLA DEL 5 NOVEMBRE