Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Uccise mamma e figlia, verso nuovo sconto di pena

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Altro sconto in arrivo per Alexe Danut, il cinquantenne rumeno che due anni fa, ubriaco, piombò con una minicar su mamma e figlia e le uccise. La bambina aveva dieci anni. Camminavano sul marciapiede a San Leo alla periferia di Arezzo. Dopo che in appello la condanna è stata quasi dimezzata, da 9 anni e due mesi a 5 anni e due mesi, scatenando vivaci proteste, la difesa dell'investitore ha chiesto al tribunale di sorveglianza la libertà anticipata. La riduzione, cioè, di 45 giorni ogni semestre, in base alla buona condotta. La risposta dei giudici arriverà a breve. Il fine pena potrebbe arrivare ancora prima e l'ok all'istanza può consentire anche la richiesta dei domiciliari o della semilibertà. Per ora, dice l'avvocato Carmen Capoccia, si attende e Danut in carcere avrebbe maturato la gravità di quanto ha causato. Quella dmenica sera la Ligier che guidava in modo sconsiderato si trasformò in un'arma che uccise Marzanna e Letizia. ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI AREZZO IN EDICOLA E ON LINE DEL 1 FEBBRAIO