Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Cantarelli, sindaci Basanieri, Agnelli e Ghinelli: "Non può fallire"

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Cantarelli, scendono in campo i sindaci di Cortona, Francesca Basanieri; Castiglion Fiorentino, Mario Agnelli; e Arezzo, Alessandro Ghinelli. Con questa nota:   "Dopo le recenti decisioni del Ministero dello Sviluppo Economico e di tutti i soggetti coinvolti nella vicenda Cantarelli di andare verso una procedura fallimentare come Sindaci abbiamo deciso di fare un appello al Giudice Delegato Dottor Antonio Picardi, che ha in carico la procedura, affinché nomini un nuovo Commissario e dia un'ulteriore possibilità a questa azienda che ancora oggi, nonostante tutto ciò che è successo, continua a ricevere commesse ed attestati di stima da parte di numerose aziende del settore moda, segno che in Cantarelli esistono professionalità e capacità che vanno aldilà della situazione societaria e finanziaria. Dobbiamo tentare fino all'ultimo minuto una soluzione che scongiuri il fallimento che vorrebbe dire togliere anche le tutele che, ad oggi, garantiscono i lavoratori e soprattutto garantisca credibilità per il proseguimento dell'attività in futuro. Sappiamo che in questi giorni, proprio a causa di questo paventato fallimento, i lavoratori stanno rinunciando a commesse importanti da parte di grandi aziende del settore fashion e questo è sinceramente inaccettabile. Come Sindaci non abbiamo molte soluzioni da poter attuare, ma ci sentiamo  di sollecitare con forza  il Giudice competente affinché non chiuda ad altre soluzioni e garantisca l'avvio di un nuovo percorso con un nuovo Commissario.  Vorremmo che giungesse chiaro a tutti i lavoratori e alla comunità che le Amministrazioni Comunali  di Cortona, Arezzo e Castiglion Fiorentino, non hanno dimenticato questa storia, anzi siamo sempre più convinti che si debba trovare una soluzione adeguata per questa azienda che ha una storia così importante e prestigiosa. La Cantarelli è sempre stata un'azienda che ha puntato sulla qualità del prodotto, ed al suo interno ci sono lavoratori con alte professionalità e con una passione straordinaria. Tutto ciò non può andare perduto anzi può e deve essere base per il futuro."