Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ritrovato il paracadute perso in volo

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Gabriele Sansi richiama la redazione del Corriere di Arezzo: “Grazie a voi ho ritrovato il mio paracadute”. Lo aveva perso domenica 20 maggio durante un atterraggio di emergenza nei pressi della zona industriale di Arezzo. Il giorno dopo aveva subito fatto l'appello per vedere se qualcuno riusciva a ritrovarlo. E mercoledì è arrivata la bella notizia: “Mi hanno chiamato dicendomi che il mio paracadute era stato ritrovato più o meno sempre nello stesso posto dove ero atterrato e dove avevo sganciato la vela. Mi hanno anche mandato una foto e guardandola, penso che sia anche in buono stato. Lo andrò a prendere in questo fine settimana”.  Gabriele è infatti di Prato e ad Arezzo viene per mettere in pratica la sua grande passione: il paracadutismo. Aveva fatto così anche la domenica di maggio, ma qualcosa non è andato per il verso giusto. “Anche quella domenica mi ero buttato, un volo come ne avevo fatti tantissimi altri. Ma qualcosa non andava”. “Il primo paracadute non si era aperto come avrebbe dovuto e così ho dovuto azionare quello di emergenza. Per fortuna tutto andò per il meglio, ma mentre io ero atterrato in una zona lontana, davanti al cimitero di San Leo, la mia vela avevo preso la strada dei Pratacci, la zona industriale di Arezzo”. Ed è lì che è stata ritrovata. Una vela così ci vuole circa duemila euro per ricomprarla. Per fortuna Gabriele potrà di nuovo utilizzare la sua.