Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Crimini e carcere: chi è lo stupratore del dormitorio

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Crimini e carcere, lo stupratore del dormitorio di via Curina / via Campanacci, marocchino, ha un passato da brividi. Abdelaziz Zougar nel 2013 sparò con una pistola a Camucia alla ex moglie, ai cognati e a due vicini sfiorando la strage. Poi scappò in Francia e si costituì: condannato a 10 anni per tentato omicidio plurimo poi ridotti a 8, ha scontato la pena in prigione. Nel 2012 altro arresto e un'altra condanna per spaccio di droga ad Arezzo. Adesso, per i precedenti, non gli era stato rinnovato il permesso di soggiorno ma viveva ad Arezzo dove aveva preso possesso di un alloggio nel complesso residenziale abbandonato vicino alla Pam. Il gip Fabio Lombardo, convalidato l'arresto fatto dai carabinieri dopo la denuncia della trentenne aretina, ha disposto la custodia cautelare in carcere per il pericolo di fuga e di reiterazione del reato. La versione dell'uomo, che presenta graffi sul corpo, è che la donna volesse droga. Nega di averla violentata ma che ci fosse stato un rapporto sessuale consenziente nell'alloggio di fortuna, dove lei lo aveva seguito. Avevano bevuto birre. Al mattino sarebbero tornati a piedi insieme in piazza Guido Monaco. Diversa la ricostruzione dell'accusa, secondo cui la trentenne aretina è stata stuprata sotto la minaccia del coltello. I due si conoscevano. ARTICOLO SUL CORRIERE DI AREZZO IN EDICOLA E ON LINE DEL 12 GIUGNO