Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Pecore multate, replica la Forestale

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Le pecore, stavolta, non fanno dormire. Arriva la replica della Forestale dopo che il Corriere di Arezzo, ha raccontato la vicenda di Valentino Gori, l'allevatore di Rofelle, frazione di Badia Tedalda, che si è visto arrivare un verbale dei carabinieri forestali, perché “quattro agnelli e due pecore erano in divieto di sosta”. Una vicenda che ha fatto anche sorridere, ma non il sindaco di Badia Tedalda, Alberto Santucci che ha impugnato il provvedimento sicuro che lo annullerà. Non si arrende il primo cittadino ad andare a fondo della questione che all'allevatore è costata una multa di quasi 90 euro. Ma oggi a replicare la Forestale. Fonti interne rispondono e danno la loro spiegazione del caso. “Le cose non sono andate così - dicono - Quel giorno quando siamo passati e abbiamo visto le pecore in mezzo alla strada, e non sul ciglio, siamo subito andati a chiamare il proprietario per invitarlo a riportarle al recinto. Lui però non ha voluto sentire ragione e dopo un tira e molla, perché diceva che le avrebbe lasciate lì, perché non erano un pericolo, ha detto ai carabinieri forestali di mandare il verbale a casa”. Ed è quello che è successo. Il fatto, risalente al mese di maggio, è stato notificato sabato scorso. Ma, secondo la Forestale, c'è di più. “Abbiamo letto che la strada è poco transitata e che ci passano al massimo una o due auto. Non è una spiegazione accettabile per giustificare la fuga delle pecore lungo la strada. Non è comunque una via chiusa al traffico e anche se fosse un'auto o una moto a passare, è una strada transitabile e gli animali lungo la carreggiata o peggio in mezzo alla strada rappresentano un pericolo e non sarebbe la prima volta che provocano incidenti. Quindi non è esatto quanto affermato che ‘lungo questa strada passa un'auto una volta al giorno'. E' comunque transitata”. “E se fosse successo qualcosa - si interroga la Forestale - proprio in quel momento, quando c'erano i quattro agnelli e le due pecore?”.  ARTICOLO SUL CORRIERE IL 17 LUGLIO 2018