Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Primarie sindaco, l'ufficiale dell'esercito Casagni pronto a sfidare Agnelli

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Luca Casagni, ufficiale dell'Esercito, è il candidato sindaco del centrosinistra per Castiglion Fiorentino. E' stato lui il più votato nelle primarie che si sono svolte nella giornata di domenica 16 dicembre. Nelle elezioni della prossima primavera potrebbe sfidare Mario Agnelli, che non ha ancora sciolto la riserva ma, salvo colpi di scena, dovrebbe ripresentarsi per il bis a Palazzo San Michele. Candidato per la carica di primo cittadino dovrebbe essere anche Giuseppe Mazzoli, del Partito comunista dei lavoratori, mentre il geometra Rossano Gallorini viene dato per possibile numero uno di una lista civica. Il tenente colonnello Luca Casagni, sposato, due figli, ha riscosso un larghissimo consenso: il 71,3% delle preferenze. Su 326 votanti, in 232 hanno scelto Casagni, 77 le schede per Edoardo Lucci e 16 per Alessandro Castellani. Una scheda bianca. Casagni, 45 anni, laureato in Scienze Politiche ha conseguito il master in Scienze Strategiche Internazionali presso Università Roma Tre, il master in gestione e sviluppo delle risorse umane presso GEMA Roma, il master in Scienze Geografiche per l'informazione territoriale, presso Università di Firenze. Dipendente del Ministero della Difesa, è impegnato in una brillante carriera militare che è disposto a interrompere per assumere la guida del comune castiglionese. Il Comitato per le Primarie di Castiglion Fiorentino ha sottolineato in una nota "l'atmosfera di grande serenità" che ha caratterizzato le primarie e l'impegno dei tre candidati. La formazione di un'unica lista civica con all'interno i partiti del centrosinistra, si legge ancora nella nota "rappresenta un elemento di forte novità". Cantiere politico in movimento, "aperto al mondo delle imprese, delle associazioni produttive, ma anche ai problemi delle zone periferiche del comune, in cui vivono le persone che piu' soffrono il senso di abbandono". E ancora: "la creazione di una lista civica locale, muove dall'obiettivo di coinvolgere nuove forze, nella convinzione che proprio a partire dai territori sia importante lavorare per difendere e diffondere un'idea di paese che ruota attorno alla legalità, alla libertà, ma anche alla solidarietà; valori fondanti di uno Stato di Diritto imperniato sulla divisione dei poteri, sul rispetto dei diritti fondamentali, sulla libera circolazione delle persone, delle idee e delle merci e sulla cooperazione tra gli uomini".