Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Donna ruba gioielli ma si giustifica: "Sono cleptomane"

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Donna ruba gioielli e finisce a processo, ma si giustifica: "Sono cleptomane". La presenza della malattia dovrà essere stabilita dal perito nominato dal giudice. Protagonista del caso è una cinquantenne di Arezzo accusata di furto aggravato per aver trafugato braccialetto e anelli d'oro in un negozio del centro storico. Il fatto risale al 2016 e risulta che la cinquantenne sia recidiva. Nell'udienza davanti al giudice Ada Grignani, la difesa dell'imputata ha prodotto certificati medici e chiesto l'effettuazione dell'accertamento per stabilire se la donna era capace di intendere e di volere al momento del fatto e se quindi è processabile. Il dubbio che solleva la difesa è che la signora non fosse in grado di governare le sue azioni. A marzo la risposta dello psichiatra, il dottor Aldo D'Arco. ARTICOLO SUL CORRIERE DI AREZZO IN EDICOLA E ON LINE DELL'11 GENNAIO