Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Giovanna uccisa dall'ubriaco al volante era a Cervia per un cane. E' andata così

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Giovanna Santorelli, la ragazza di 28 anni di Arezzo morta nell'auto travolta da un ubriaco al volante, era a Pinarella di Cervia per prendere un cane. Insieme al fidanzato, aveva accompagnato un'amica per prelevare, come da accordi, un golden retriever. Nel Suzuki Jimmy c'era anche l'animale e dopo lo schianto, avvenuto alle 5.48 di sabato 20 aprile, è scappato via. Poi lo hanno recuperato i vigili del fuoco. L'incidente fatale per Giovanna è avvenuto tra via Pinarella e via Tritone. Allo stop la Touran condotta da un 22enne del posto è sfrecciata senza fermarsi e l'urto è stato devastante. La 28enne è stata sbalzata via ed è finita fuori dall'abitacolo. La salma è in ospedale a disposizione del magistrato. Il giovanissimo che guidava la Volkswagen è stato arrestato per omicidio stradale. In ospedale a Cesena anche il fidanzato di Giovanna, Rinaldo Faltoni, 29 anni, e la signora Maria Pia, 50. Giovanna (che avrebbe compiuto 29 anni a ottobre) conviveva ad Arezzo con il compagno nella zona della Croce Rossa. I familiari si sono precipitati a Cervia. Prima di avere il nulla osta per la sepoltura, passeranno dei giorni per il periodo delle feste. Pasqua di dolore per i Santorelli, originari di Nola ma da venti anni ad Arezzo. Giovanna lascia i genitori Antonio e Filomena e due fratelli.