Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Operaio si fa male con la motosega, soldi alla ditta e a lui niente

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Sfida infinita tra operaio e i suoi ex datori di lavoro. Va avanti da undici anni ad Arezzo e non se ne vede ancora la conclusione. Marian Vijoi aveva 32 anni quando nel 2008 si tagliò una coscia con la motosega mentre svolgeva lavori per la ditta di cui era dipendente. Dopo l'infortunio sul lavoro, condannati per lesioni gli impresari, due aretini sessantenni: il dipendente non indossava le adeguate protezioni per quel tipo di mansioni (salopette anti taglio). La causa civile per il risarcimento - sulla base di una inabilità permanente - non è approdata a nulla. I 250 mila euro dell'assicurazione li avrebbe incamerati la società, poi andata in liquidazione. Neanche un centesimo al lavoratore. Azione legale con blocco di patrimoni per 900 mila euro ai due, da parte dell'Inail. Ma nulla di fatto, operaio a secco. Con esposto in procura a vuoto e ora l'archiviazione in vista. L'avvocato Lorenza Calvanese si opporrà. Gli ex datori di lavoro contestano: ma lui canta e balla, non sta poi così male. La difesa: accuse false, non può più lavorare, si dedica all'hobby della musica folcloristica. ARTICOLO SUL CORRIERE DI AREZZO IN EDICOLA E ON LINE DEL 27 APRILE